Scegli il miglior Proverbio Napoletano!

PROVERBI NAPOLETANI

E figlie so’ ppiezz”e còre.
I figli sono pezzi del proprio cuore.

Ògne scarrafóne è bbèllo ‘a màmma sóia.
Ogni scarafaggio è bello per la propria madre.

Ccà nisciuno è fesso.
Qui nessuno è stupido.

L’ammore fa passà ‘o tiempo e ‘o tiempo fa passà l’ammore.
L’amore fa passare il tempo e il tempo fa passare l’amore.

Nce stanno uommene, uommenicchie, uommenone e quaquaraquà.
Ci sono uomini, ometti, omoni e nullità.

Quatto li cose a ‘o munno ca fanno cunzula’: ‘a femmena, l’argiamma, lo suonno e lo magna’.
Quattro le cose al mondo che consolano: la donna, il denaro, il sonno ed il mangiare.

Càrte e ddònne fànno chéllo che vvònno.
Carte e donne fanno quello che vogliono.

Quann’ ‘o diavulo t’accarezza, vo’ ll’ ànema.
Quando il diavolo ti accarezza, vuole l’anima.

‘A spesa nun vale ‘a ‘mpresa.
La spesa non vale l’impresa.

Chi fatica magna chi nun fatica magna e beve.
Chi fatica mangia, chi non fatica mangia e beve.

Nisciuno è nato ‘mparato.
Nessuno è nato istruito.

A carne ‘a sotto e ‘e maccarune ‘a coppa.
La carne sotto e i maccheroni sopra, ovvero le cose vanno al contrario di come dovrebbero andare.

L’amico è comme a ‘o ‘mbrello: quanne chiove nun ‘o truove maje.
L’amico è come l’ombrello , quando piove non c’è mai.

‘A femmena ciarliera è ‘na mala mugliera.
La donna chiacchierona è una cattiva moglie.

Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha rat, ha rat.
Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha dato, ha dato.

Adda passà ‘a nuttata.
Deve passare la nottata, ovvero deve passare questo brutto periodo.

‘Mparate a parlà, no a faticà.
Impara a parlare, non a lavorare.

Mentre ‘o miedeco sturéa, ‘o malato se ne more.
Mentre il medico studia, il malato muore.

‘O cummanna’ è meglio d’ ‘o fottere.
Comandare è meglio che copulare.

A femmena pe’ l’ommo addiventa pazza, l’ommo p’ ‘a femmena addiventa fesso.
La donna per l’uomo impazzisce, l’uomo per la donna rimbecillisce.

‘A fortuna è comme l’anguilla: cchiù penzammo d’ ‘a putè agguanta e cchiù ‘nce sciulia.
La fortuna è come l’anguilla: quando credi di averla afferrata sfugge.

A guerra cerca ‘a pace e ‘a pace cerca ‘a guerra.
La guerra cerca la pace e la pace cerca la guerra.

‘A fissazióne è pèggio d’a malatìa.
La fissazione è peggio della malattia.

Chi è povero ‘e denaro è ricco ‘e core.
Chi è povero di denaro è ricco nel cuore.

Dio te guarda da ‘e pezziente sagliute
Dio ti guardi dal pezzente arricchito.

Quann’ ‘o mellone jesce russo, ognuno ne vo’ ‘na fella.
Quando il cocomero è rosso, ognuno vuole una fetta, ovvero quando l’affare è buono ognuno vuol partecipare.

L’ammore è ‘nu piccerillo ca nun sape cuntare.
L’amore è un bambino che non sa contare ovvero l’amore è avventato.

‘A cuntentezza vene da ‘o core.
La gioia viene dal cuore.

Quanno ‘o diavulo tuoio jeva a’ scola, ‘o mio era maestro.
Quando il tuo diavolo andava a scuola il mio era già maestro, ovvero non pensare di fregarmi.

Chi tene ‘a coscienza netta pò ghi’ a fronte scuperta.
Chi sta a posto con la propria coscienza può camminare a fronte alta.

A ‘o core nun se cummanna.
Al cuore non si comanda.

Chi te vo’ bene cchiù de mamma, te ‘nganna.
Chi ti vuole bene più della mamma, ti inganna.

A vita è tosta e nisciuno t’aiuta, e si ‘na vota quaccuno t’aiuta è pe’ te dicere “t’aggio aiutato”.

La vita è dura e nessuno ti aiuta, e se qualcuno una volta ti aiuta è per dirti “ti ho aiutato”.

‘A raggiona è d”e fesse.
La ragione è degli stupidi.

Chi tene belli denare sempe conta; chi tene bella mugliera sempe canta.
Chi ha bei denari sempre conta; chi ha bella moglie sempre canta.

A ppava’ e a mmuri’, quanno cchiù tarde è pussìbbele.
Pagare e morire, il più tardi possibile.

‘O pesce gruosso se magna ‘o piccerillo.
Il pesce grande mangia il piccolo.

Sul’à morte nu”nc’è rimedio.
Soltanto alla morte non c’è rimedio.

Compagno, tu fatiche e io magno!
Compagno, tu lavori e io mangio. (Per descrivere la furbizia degli sfaticati)

Quanno Pullecenella va ‘n carrozza, tutti ‘o vedeno.
Quando Pulcinella va in carrozza, tutti lo guardano, ovvero quando un povero fa qualcosa di diverso è adocchiato da tutti.

‘O munno è munno: chi saglie e chi va a funno!
Il mondo è mondo: c’è chi sale e chi va a fondo!

Meglio murí sazzio ca campà diúno.
Meglio morire sazio, che vivere digiuno.

Nun se fa niente pe’ ssenza niente.
Non si fa niente per niente.

Dicette ‘o cafone:”Si nun m’avanta eo, m’avanto meo”.
Disse il cafone:”Se nessuno mi esalta, mi esalto da me”

A chi parla areto, ‘o culo ‘o risponne.
A chi parla alle spalle, risponde il sedere.

Chi tene che magna’ nun ave a che penzà.
Chi ha da mangiare non ha nulla di cui preoccuparsi.

L’ammore nun s’accatta e nun se venne.
L’amore non si acquista e non si vende, ovvero l’amore è uno dei sentimenti più genuini dell’anima umana, e pertanto è al di fuori e al di sopra di ogni interesse

Omme senza vizi è menesta senza sale.
L’uomo senza vizi è una minestra senza sale, ovvero è insipido.

Amice e vino ‘anna essere viecchie.
Amici e vino devono essere vecchi.

Ammore ‘e paglia subbeto squaglia.
I fuochi di paglia si spengono subito, ovvero l’infatuazione è temporanea.

Primm’ e cunfett’ e poi e difett’.
Prima le nozze e poi i difetti.

Male nun fa’ e paura nun avé’.
Male non fare e paura non avere ovvero chi non fa il male non ha nulla da temere.

‘A scopa nova scopa buono sulo tre gghiuòrne.
La scopa nuova spazza bene soltanto tre giorni.

Int’ e carcere e int’ ‘e malatie cunosc’ l’amicizia mia.
Nel carcere e nella malattia si conosce l’amicizia, ovvero nelle grosse tragedie si riconoscono i veri amici.

Cuscienza e denare so’ ‘e cose cchiù rare.
Coscienza e denari sono le cose più rare, ovvero alla base delle ricchezze esistono compromessi e piccole e grandi disonestà.

A’ nave cammina e’ a’ fava se coce.
La nave va da sé e anche le fave si cuociono da sole, ovvero lascia andare le cose così come vanno.

Sparte ricchezza e addeventa puvertà.
Dividi la ricchezza e diventerà povertà, ovvero le divisioni non accontentano nessuno.

Chi bella vo’ pare’, pene e gguaje hadda pate’.
Chi vuole apparire bella, pene e guai deve patire.

Parlanno do diavulo, spuntajeno ‘e ccorna.
Parlando del diavolo, apparvero le corna.

Chi nasce tunno nun pò murì quatro.
Chi nasce rotondo non può morire quadrato, ovvero chi nasce con un determinato carattere non potrà mutarlo con facilità.

‘O pesce fète d’ ‘a capa.
Il pesce puzza dalla testa.

Se dice ‘o peccato, ma no ‘o peccatore.
Si dice il peccato, ma non il peccatore.

‘A briscola se joca co’ e denare.
La briscola si gioca con i denari, ovvero senza soldi non si può fare nulla.

Meglio è sentì’ rumore ‘e catene ca rumore ‘e campane.
Meglio sentire il rumore delle catane che quello delle campane, ovvero è meglio andar a finire in galera che morire!

Se dice ‘o peccato, ma no ‘o peccatore.
Si dice il peccato ma non il peccatore.

Chello can un vuo’ sentì’, fa’ vedé’ ca nun siénte.
Chi non vuole sentire, fa finta di non sentire, ovvero quando non si vuole sentire o conoscere una cosa, si finge di non aver compreso.

‘A malinconia nun leva ‘e diébbete.
La malinconia non toglie il diabete, ovvero quando si è carichi di guai, l’essere tristi non risolve niente, ma anzi toglie ogni capacità di ripresa.

‘A femmena bona, si tentata, resta onesta, nun è stata bona tentata.
Se una brava donna resta tale pur se tentata, allora non è stata ben tentata.

Chella che l’aiza ‘na vota l’aiza sempe.
La donna che l’ha fatto una volta, lo farà sempre

‘E viécchie lle próre ‘o cupiérchio.
Ai vecchi prude il sedere ovvero con la vecchiaia non si spengono le voglie.

Ammore verace è quanno s’appicceca e se fa’ pace.
Il vero amore è quando si litiga e si fa la pace.

Pigliate ‘a bona quanno te vene, ca ‘a malamente nun manca maje.
Prenditi la buona occasione quando ti capita, perché la cattiva non manca mai.

Femmena aggraziata vole essere pregata.
Una donna graziosa desidera essere corteggiata.

Femmene ‘e chiesa, diavule ‘e casa.
Donne di chiesa, diavoli in casa.

Bona maretata, né socra né cainata.
Per un buon matrimonio, né suocera né cognata

Luntano dall’uocchie, luntano da ‘o còre.
Lontano dagli occhi, lontano dal cuore.

Chi cumanna nun suda.
Chi comanda non suda.

Ogne bella scarpa cu’ ‘o tiempo addiventa scarpone.
Ogni bella scarpa col tempo diventa scarpone, ovvero anche le donne più belle diventano brutte e sgraziate.

Primma ‘e guardà’ ‘nnante, vòtate arèto.
Prima di guardare avanti, voltati indietro ovvero anziché aspirare a star meglio, guarda a quelli che stanno peggio di te.

Nu’ sputà ‘ncielo,ca ‘nfaccia te torna.
Non sputare in cielo chè ti ricadrà sul volto, ovvero non disprezzare il bene, perché quel disprezzo si ritorcerà contro di te.

A vocca ‘nchiusa nun traseno mosche.
Nella bocca chiusa non entrano le mosche ovvero è preferibile tacere, piuttosto che dire cretinate.

Chi troppo lo sparagna, vien la gatta e se lo magna.
Chi troppo risparmia, viene la gatta e se lo mangia.

È meglio a zuppecà’ ca a nun cammenà’.
E’ meglio zoppicare che non camminare, ovvero nella vita bisogna sempre contentarsi del meno peggio, quando non sia possibile ottenere il meglio.

E’ malatie veneno a cavallo e se ne vanno a père.
Le malattie vengono a cavallo e se na vanno a piedi, ovvero la guarigione è cosa lenta.

Si’ ghiuto a Roma e nun haje visto ‘o Papa.
Sei andato a Roma e non hai visto il Papa, ovvero ti sei affaticato inutilmente per un affare, senza ottenere l’intento sperato.

E chiacchiere nun jéncheno ‘a panza.
Le chiacchiere non riempiono la pancia.

A chi me da ‘o ppane, je ‘o chammo pate.
A chi mi da da mangiare, lo rispetto come un padre.